La bambina soffoca, interviene la polizia

È drammatico il video diffuso dalla polizia di San Miguel (Buenos Aires), Argentina. Due agenti di nome Laura Pagani e Diego Villas Carrizo hanno salvato la vita di una bambina di 18 mesi praticandole la rianimazione cardiopolmonare mentre correvano all’ospedale. La tempestività dell’intervento è stata fondamentale. Il fatto è accaduto domenica scorsa. I due poliziotti stavano pattugliando la strada quando intorno alle 11 di mattina in via Serminento, all’incrocio con Balbin, hanno notato una donna che chiedeva aiuto.

Laura Pagani e Diego Villas Carrizo sono immediatamente scesi dall’auto dirigendosi verso la mamma disperata. La donna aveva in braccio una bambina molto piccola in preda alle convulsioni.

Dalla bocca della bimba usciva della schiuma, le pupille degli occhi erano rivolti all’indietro. Sono stati attimi tremendi come testimonia il video che vi proponiamo in fondo all’articolo.

La bambina soffoca: il racconto di quei momenti

L’agente Laura Pagani ha raccontato che quando il collega ha raggiunto la madre, la piccola non non reagiva. L’agente Diego Villas Carrizo ha preso la piccola in braccio e insieme alla collega si sono diretti verso l’auto seguiti dalla mamma:

La bambina aveva la schiuma alla bocca e i suoi occhi erano rivolti all’indietro. Le ho immediatamente fatto la rianimazione cardiopolmonare, l’ho girata su un lato perché stava fuoriuscendo molta saliva. Le ho dato dei colpi sulla schiena. Sono stati minuti eterni, devi agire senza pensare, soprattuto se in gioco c’è una vita. Seduta dietro, la madre chiedeva di aiutare la bambina mentre il mio collega all guida cercava di non fare un incidente. Non ho parole per spiegare quei momenti. Ho fatto il meglio che potevo.

Le manovre messe in pratica dalla poliziotta hanno fatto sì che la bambina ricomnciasse a respirare proprio a poche centinaia di metri dal pronto soccorso. Dopo aver consegnato la piccola ai dottori, la poliziotta è scoppiata a piangere:

Non potevo credere a quello che avevo fatto, alla situazione e al momento che avevo vissuto. È qualcosa che resterà per sempre nel mio cuore, nei miei ricordi… e non scorderò mai l’abbraccio di quella mamma.

La piccola sta bene

La bambina adesso sta bene, è rimasta in ospedale fino alle 10 di sera per eseguire tutti i controlli necessari, poi, è stata dimessa.

Come raccontato dalla mamma, la sua bambina gioca e grida di felicità come ha sempre fatto. La donna ha ringraziato i poliziotti e i medici dell’ospedale. È grazie a loro se la bambina è salva.

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *