Una serie di tatuaggi di Maradona

Diego Maradona ha lasciato un segno nella storia del calcio e nel cuore di tanti tifosi. Anche dopo la sua dipartita continua ad essere omaggiato e onorato in tutto il mondo. Impressionanti le dimostrazioni d’affetto a Buenos Aires e Napoli dove spuntano murales come funghi. Tuttavia non vogliamo parlarvi di street art ma dei tatuaggi di Maradona. È vero, ce ne sono tanti in giro.

Tatuaggi di Maradona Marcos Rojo
Il tatuaggio fatto da Marcos Rojo

Anche il capitano del Napoli Lorenzo Insigne ne ha fatto uno dopo la sua morte in onore del Diez. C’è un artista che più di tutti sa realizzare tatuaggi di Maradona incredibilmente realistici, si chiama Cesar Molina, detto Yeyo. Il suo studio a Quilmes ultimamente è frequentato da diversi calciatori che si rivolgono a lui per avere un tatuaggio di Diego Maradona. Tra questi ci sono Marcos Rojo (Manchester United) e Patricio Monti del Gimnasia de la Plata.

tatuaggi maradona

Cesar “Yeyo” Molina e i tatuaggi di Maradona

Cesar Molina è uno specialista dei tatuaggi ritratti. È apprezzato per il realismo dei suoi lavori: gli basta una foto per riprodurla tale e quale sulla pelle. Ha preso parte a tantissime convention e si è aggiudicato tantissimi premi piazzandosi davanti a centinaia di bravissimi tatuatori.

Durante la sua carriera ha realizzato tantissimi tatuaggi di Maradona, ma non chiedetegli di fare due tattoo uguali, lui non si ripete e dunque ogni opera è unica. È un lavoro lungo il suo che richiede tanta concentrazione. Per realizzare il ritratto di una persona da 18 cm servono 9 ore e naturalmente più è grande il tatuaggio e più tempo serve per terminare l’opera che molte volte richiede due sessioni. Prima di accettare il lavoro Cesar Molino pretende una foto di altissima qualità. I suoi tatuaggi si caratterizzano per la precisione nei dettagli.

Yeyo racconta delle sensazioni che prova quando deve eseguire il tatuaggio di una persona defunta. Si sente onorato per essere stato scelto per qualcosa di così importante, ma avverte anche una forte pressione sia per il livello tecnico richiesto, sia perché si sente in dovere di evitare il minimo errore nel tatuare il ritratto che deve risultare identico all’originale.

Fonte: Instagram

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.