Morto il figlio di Sinead O' Connor: Shane aveva 17 anni

Non c’è pace per Sinead O’ Connor. La cantante di “Nothing Compares 2 U” è stata accompagnata in ospedale dalla polizia ,dove ci resterà fin quando i medici lo riterranno opportnuno. La scorsa settimana il figlio dell cantante, Shane Lunny, si è suicidato. È evidente che il lutto ha avuto effetti pesanti sulla donna che non ha mi nascosto le sue fragilità. A far scattare l’allarme sono stati un serie di Tweet.

In questi la donna s’incolpava della morte del figlio affermaado di non meritare di vivere. Sempre con un Tweet, Sinead O’ Connor ha voluto tranquillizzare i fan avvisando loro che si stava dirigendo in ospedale accompagnata dall polizia.

Sinead O’ Connor contro il servizio sanitrio irlandese

Dopo la morte del figlio, Sinead O’ Connor si è scagliata contro l’ospedale presso il quale il diciassettenne si trovava, essendo a rischio suicidio.

Il ragazzo era riuscito scappare dalla struttura sanitaria portanto a compimento il suo intento di togliersi la vita. La cantante non ha risparmiato dai suoi attacchi neanche la Tusla, agenzia per l’infanzia e la famiglia.

In particolare Sinead O’ Connor ha detto che lo Stato si rifiuta di assumersi le sue responsabilità. Quanto alla Tusla, ha rimproverato l’agenzia di non essersi messa in contatto con lei dopo la morte del figlio Shane, un cosa definita “inaccettabile“. La cantante ha poi aggiunto:

Possa Dio perdonare lo Stato Irlandese perchè io non lo farò mai!

Successivamente l’artista ha cancellato i Tweet polemici e si è scusata per quanto scritto. Ha poi aggiunto che la Tusla lavora con risolrse limitate. Non è colpa loro se l’Irlanda è un paese del Terzo Mondo.

Abbiamo 12 posti letto per gli adolescenti con tendenze suicide che richiedono cure speciali. Non ci sono risorse chi non riesce gestire la sua vita. In tutto il Paese ci sono soltanto 128 posti letto in terapia intensiva, La Tusla ha fatto del suo meglio. Tutti lo abbiamo fatto e sono profondamente dispiaciuta di aver incolpato qulcuno.

Intanto sulla morte di Shane Lunny, Il National Review Panel ha avviato un’indagine. Sinead O’ Connor ha reso noto che al funerale del figlio parteciperano soltanto lei e il padre. Queste sono state le ultime volontà del ragazzo.

Fonte Metro

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.