Doriana Cerqueni uccisa dal padre Stelvio a Rubano

Dorjana Cerqueni, 60 anni, è stata uccisa all’esterno della sua abitazione al civico 72 di via Palù, in località Sermola di Rubano (Padova). A sparare alla donna è stato il padre quasi novantenne, Stelvio Cerqueni. Dopo aver ucciso la figlia, l’anziano ha rivolto la medesima arma contro di sé, togliendosi la vita. L’omicidio suicidio è stato preceduto da una lite ma pare evidente che l’uomo avesse raggiunto la casa della figlia mettendosi in viaggio da Monfacolne (Gorizia), dove viveva, con il chiaro intento di porre fine alla vita della donna.

Probabilmente la scelta del giorno non è stata casuale. Oggi, 17 settembre, era il compleanno di Dorjana Cerqueni. I cadaveri sono stati scoperti da alcuni parenti che avevano raggiunto la casa della vittima proprio per festeggiare il suo compleanno.

Il marito della vittima, Galdino Nicoletti, ha saputo della tragedia mentre era al lavoro. L’uomo è titolare del mobilificio Nicoletti, in via Valli, poco distante dalla scena del crimine.

Il movente dell’omicidio di Dorjana Cerqueni a Sermola di Rubano

Per quale motivo Stelvio Cerqueni ha ucciso la figlia Dorjana? È questo il grosso interrogativo cui i carabneri della locale compagna intervenuti in via Palù cercano di capire.

Tutto lascia pensare a un gesto premeditato da parte dell’anziano, altrimenti perchè sarebbe partito da Monfalcone armato di pistola? Tra padre e figlia dovevano esserci delle ruggini, un forte astio o più semplicemente(si fa per dire) una paranoia dell’assassino.

Supposizioni, per il momento. L’unica certezza in questo ennesima tragedia familiare che ha sconvolto il Veneto e che nel giardino di un tranquillo quartiere di periferia sono morte due persone, padre e figlia. Una morte violenta. Una morte inspiegabile, almeno per ora.

Ancora una donna uccisa per mano di un uomo come recentemente accaduto, appena due giorni fa per la precisione, a Alessandra Zorzin, uccisa daMarco Turrin, anche lui suicida dopo il delitto.

Leggi anche questi articoli

Fonte Il Gazzettino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *