Scandalo all'Hilton Hotel: direttore succhia le dita dei piedi a un ospite mentre dorme - NOTIZIOSO
Direttore Hotel Hilton succhia i piedi a un ospite mentre dorme

Scandaloso quanto accaduto presso un Hilton Hoel di Nashville, Tennessee: un ospite si è svegliato e ha trovato il direttre dell’albergo che gli stava succhiando le dita dei piedi. A riportre la notizia è WKRN. I fatti sono accaduti lo scorso 30 marzo, intorno alle 5 del mattino. Responsabile è David Patrick Neal, 52 anni. L’ospite dell’hotel, comprensibilmente spaventato, ha urlato attirando l’attenzione delle altre persone presenti nella struttura.

È intervenuta la polizia che ha raccolto la denuncia della vittima. Il cinquantaduenne ha ammesso di essere entrato nella camera con una chiave clonata ma si è giustificato dicendo che aveva sentito odore di fumo. Cosa non vera.

Il direttore dell’Hilton Hotel, David Patrick Neal, evidentemente feticista dei piedi, ha diversi precedenti penali, tra questi una condanna per omicidio colposo, un fatto di sangue risalente alla metà degli anni ’90. Questo il racconto dell’ospite dell’Hotel Hilton:

Per tutta la mia vita ho avuto quel senso di sicurezza e di pace, giusto? Non è come se fossi in campeggio e dovessi tenere un occhio aperto. Hai quella sicurezza che è tua e quando chiudi gli occhi ti senti al sicuro e protetto, ma è stata una violenza assoluta. Ero così scioccato. Ho pensato: Chi sei? Perché sei nella mia stanza? Era quasi un sogno, una specie di incubo. Perché questa persona mi sta toccando?

Sconcertato il legale dellavittima, Michael Fisher:

Molteplici accuse di falsificazione, guida in stato di ebbrezza e una condanna per omicidio colposo, ha scontato una pena in carcere. Quando Hilton ha assunto questa persona, doveva saperlo. Devono fare dei controlli sul passato per saperlo e il fatto di mettere una persona del genere in una posizione in cui ha la possibilità di clonare le chiavi, di entrare nella stanza di un ospite.

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *