La malattia di Ringo Starr

Preoccupazione per lo statto di salute di Ringo Starr, l’ex batterista dei The Beatles è malato ed ha cancellato il concerto in programma lo scorso sabato al Four Winds Casino di New Buffalo, in Michigan. Il motivo dell’annullamento dello spettacolo, ha confermato il promoter, è dovuto a problemi di salute dell’ex Fab4.

Posticipanti anche i successivi due show della All Starr Band in programma. Su quale malattia affigga Ringo Starr, è mistero, anche se non dovrebbe trattarsi nulla di grave.

Gli organizzatori hanno precisato che non si tratta di covid. Il musicista ha provato fino all’ultimo a tenere fede ai suoi impegni ma l’unico risultato ottenuto è stato il tardivo anullameto del concerto della All Starr Band con comprensibile malumore dei fan.

La malattia di Ringo Starr

Come detto, sulla malattia che ha colpito Ringo Starr non sono stati forniti dettagli. Bisogna dire che l’ex compagno di John Lennon, Paul McCartney e George Harrison sin da piccolo ha avuto problemi di salute.

Nulla, comunque, che potesse pregiudicare la sua attività con la band di Liverpool, autrice di album entrati di diritto nella storia della musica come “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band“.

Disco non citato a caso, visto che è proprio il batterista a cantare sul brano With a Little Help from my Friends. Da bambino, quindi ben prima che Richard Starkey diventasse il batterista dei Beatles, soffrì di una peritonite.

Successivamente il batterista si ammalò di tubercolosi. La malattia di Ringo Starr gli provocò problemi per i successivi due anni di vita, fu ricoverato in sanatorio.

Nel 1964, a causa di una tonsillite, Ringo Starr fu costretto a saltare le prime date del tour con i Beatless. Il batterista fu sostituito da Jimmy Nicol.

Sul finire degli anni ’70, il batterista dovette sottoporsi da un intervento chirurgico, conseguenza della pritonite che lo aveva colpito da piccolo: gli fu asportato parte dell’intestino.

Fonte Rai News

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *