Roma, cinghiale peste suna africana

La peste suina africana è arrivata a Roma. Per molti si trattava solo di questione di tempo prima che si individuasse il primo caso nella Capitale così come nel resto della regione Lazio. È accaduto nel territorio della Asl Roma 1, la malattia è stata riscontrata su un cinghiale che presentava tutti i sintomi. Le analisi hanno confermato quanto si temeva, il cinghiale è affetto da peste suina africana.

Fino a questo momento casi di Psa erano stati individuati nelle province di Genova e Alessandria. Nel frattempo è stato già attivato il monitoraggio sulla zona battuta dal cinghiale al fine di delimitare i confini dell’area interessata.

Ciò che preoccupa gli esperti è il fatto che l’animle sia stato trovato in città, cosa che complica la possibilità di isolare le zone a rischio così da salvaguardare la salute pubblica.

Adesso la palla passa alla Regione Lazio che dovrà disporre le misure ncessarie per eviare che la situazione si aggravi con una vera e propria epidemia. È bene ricordare che la peste suina africana non infetta uomo ma soltanto i suini.

Peste suina africana: domande e risposte

Come si manifesta la peste suia, quali sono i sindomi?

Tra i sintomi della peste suina ci sono la fbbre, debolezza dell’animale, emorragie interne, perdita d’appetito, tosse. Gli animali infetti sviluppano polmonite e ulcere. I suini infetti tendono a raggomitlarsi l’uno accanto all’altro, fino alla morte.

Come si prende la peste suina? Trasmission e diffusione

La trasmissione della malattia avviene mediante il contatto tra suino infetto e suino sano, ingestione di carne di animali infetti, contatto con oggetti contaminati dal virus e con i morsi delle zecche.

Come si contrasta la peste suina?

Attravrso l’abbattimnto e la distruzion delle carcasse degli animali infetti e di tutti i suini del medesimo allevamento, anche se sani. Le zone infette vanno delimitate. Locali che ospitano gli animali così come i mezzi che li hanno trasportati devono essere disinfettati.

Per approfondimenti, visita il sito European Food Safety Authority.

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.