I presentatori l'Eurovision

Partito l’Eurovision Song Contest con la prima semifinale ieri sera a Torino. Ed è subito musica in uno show pieno di luci, colore e tanta, tanta musica.

Uno spettacolo musicale al quale non siamo abituati in Italia, con ritmi serrati, senza sospensioni, che in poco più di due ore restituisce una cascata di musica ed intrattenimento.

In questa prima serata dell’edizione 2022 dell’Eurovision a Torino, tornata in Italia grazie alla vittoria dei Maneskin l’anno scorso, nulla è mancato di una formula che finora abbiamo potuto apprezzare solo da lontano.

Il pubblico ha risposto con un entusiasmo enorme. Tanto da spingere l’organizzazione a riaprire la vendita dei biglietti per assistere alle prove.

Accedono alla finale di sabato i rappresentanti di: Svizzera, Armenia, Islanda, Lituania, Portogallo, Norvegia, Grecia, Ucraina, Moldavia, Olanda. Alla semifinale di domani spetta il compito di completare la rosa dei finalisti.

Partito l’Eurovision, con qualche problema

Partito l’Eurovision con grande entusiasmo ed una organizzazione sul palco e fuori impeccabile, eppure non si sono potuti evitare alcuni incidenti.

Mentre legge la lista degli ammessi alla finale Laura Pausini, che presenta lo spettacolo insieme ad Alessandro Cattelan e Mika, ha avuto una piccola insicurezza nel pronunciare alcuni nomi e si è lasciata sfuggire un’innocente imprecazione. Sono gli incerti della diretta.

Ben più grave è il fatto riferito da alcune giovani volontarie dell’accoglienza alle delegazioni internazionali, circa alcuni episodi di molestie.

Sembra che durante il party di benvenuto organizzato alla Reggia di Venaria alcune delle ragazze addette all’accoglienza avrebbero ricevuto pesanti ed indesiderate attenzioni.

Dal Comune di Torino si dicono sorpresi e preoccupati, soprattutto la funzionaria comunale responsabile per l’accoglienza. Al momento non ci sono altre notizie sull’argomento.

Peccato per un episodio che ha minacciato di oscurare una vera e propria festa della musica, nella quale il cantante Diodato si è ripreso in parte ciò che gli era stato tolto dalla pandemia due anni fa, salendo sul palco ed emozionando tutti con la sua performance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.