Vincenzo Beniamino Marongiu vittima omicidio Arzana

Nuoro – Omicidio ad Arzana intorno alle 9 di questa mattina, è successo in Piazza Roma: la vittima si chiamava Vincenzo Beniamino Marongiu. L’uomo, un pregiudicato di 52 anni, è stato ucciso con alcuni colpi di arma da fuoco. La dinamica dell’omicidio di Arzana è ancora poco chiara. Non si sa se ad agire sia stata una sola persona o se c’era anche un complice. In piazza Roma sono giunti i carabinieri della compagnia di Lanusei ma al momento non si sarebbero fatti avanti testimoni. I militari stanno verificando la presenza in zona di videocamere di sicurezza che potrebbero aver ripreso l’agguato mortale nei confronti del cinquantaduenne.

Vincenzo Beniamino Marongiu era un volto noto alle forze dell’ordine, il suo nome figura tra le persone arrestate nell’ambito di un’operazione dei carabinieri nel 2018, proprio ad Arzana. L’operazioine scattò al culmine di un’indagine partita nel 2016 da parte della Procura di Lanusei e volta a sgominare una banda criminale dedita al traffico di armi clandestine e alterate ed esplosivo militare.

Le indagini portarono anche a scoprire attività illecite quali il traffico di stupefacenti nonchè reati contro il patrimonio. Nel gennaio del 2018, i carabinieri fecero irruzione in una casa apparentemente abbandonata; qui colsero in flagranza di reato quattro persone: Nicolò Piras (classe 90, di Arzana), Stefano Marongiu (classe 84, di Cardedu), Vincenzo Beniamino Marongiu (classe 72, di Arzana) e Federico Luigi Laisceddu (di Arzana).

I quattro si stavano prendendo cura di un considerevole quantitativo di piante di marijuana e infiorescenze in essiccazione. Successivamente la droga fu quantificata in 7,5 kg. Dopo un tentativo di fuga sui tetti, furono tutti arrestati. Dalle successive perquisizioni presso le abitazioni degli arrestati, furono sequestrate diverse armi, tutte risultate rubate. Ulteriori dettagli sull’agguato di Arzana emergeranno nelle prossime ore.

Fonte L’Unione Sarda

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *