Tre meccanci accoltellati a Cagliari

Nel pomeriggio di ieri, mercoledì 22 settembre, tre meccanici sono stati accoltellati presso l’officina dove lavorano, in via Dolcetta a Cagliari. Sono stati feriti Emanuele Pruner, 46 anni, Simone Pruner, 44 anni e Marco Pilia di 23 anni. La polizia ha arrestato due sospettati. Si tratta di Alessandro Mundula, un pregiudicato di 46 anni, e Nicolò Argiolas di 40, entrambi di Sestu.

All’identità degli aggressori si è risaliti grazie alle immagini delle telecamere presenti in zona. I due uomini indiziati del tentato omicidio si trovano in custodia preso il carcere di Uta.

A loro carico, oltre al’accusa di tentato omicidio c’è anche quella di lesioni gravissime. Non è noto se le vittime conoscessero o meno l’aggressore.

Meccanici accoltellati a Cagliari: ignaro il movente del ferimento dei fratelli Pruner

Non è ancora chiaro il movente che ha portato al ferimento di Emanuele Pruner, Simone Pruner e Marco Pilia. In azione è entrato il solo Alessandro Mundula, mentre Nicolò Argiolas lo attendeva in auto pronto per la fuga.

Erano circa le ore 17. Alessandro Mundula è sceso dall’auto impugando due coltelli, è stato veloce e determinato nell’azione. Si è scagliato prima contro Emanuele Pruner, il più grave dei feriti, poi è stata la volta di Simone Pruner.

Infine, non ha risparmiato neanche Marco Pilia forse perchè interveuto per difendere gli altri due meccanici.

Il pregiudicato di Sestu e il suo complice, però, non hanno fatto i conti con le telecamere. Sono stati arrestati nella serata di ieri.

Emanuele Pruner è stato operato: la prognosi è riservata

Dei tre meccanici feriti a destare maggiori preoccupazioni è Emanuele Pruner. Il quarantaseienne è stato sottoposto a un intervento chirurgico presso l’ospedale Brotzu. L’intervento è tecnicamente riuscito ma la prognosi resta riservata.

Grave anche Simone Pruner, l’uomo è stato trasportato al Policlinico. Lievi ferite, invece, per Marco Pilia. Il dipendente è stato medicato sul posto.

Fonte L’Unione Sarda

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.