Vietato ai minori Mary Poppins

Il film Mary Poppins è vietato ai minori di 12 anni in Inghilterra, lo ha deciso il British Board of Film Classification in quanto presenta un linguaggio discriminatorio. Il film diretto da Robert Stevenson, tratto dai romanzi di P.L. Travers, e uscito nel 1964 per la Walt Disney con protagonisti Julie Andrews e Dick van Dyke, potrà essere guardato dai minori di 12 anni solo se in compagnia di un adulto. La decisione del BBFC d’inasprire la classificazione per età da “U”, ossia, universal, a “PG”, ovvero, Parental Guidance, sta suscitando parecchie polemiche non solo nel Regno Unito ma anche in bunona parte dle mondo.

Tuttavia l’ente ha fornito motivazioni valide , anche se decisamente fiscali: il linguaggio non è conforme alle line guida in base alle quali vengono classificati i film. In vero, è una sola la parla incriminata.

Mary Poppins vietato ai minori di 12 anni per linguaggio discriminatrio

Ci sono voluti sessantanni prima che qualcuno facesse caso che in Mary Poppins viene usata la parola “ottentotti“, un termine pronunciato per due volte dall’ammiraglio Boom (interpretato da Reginald wen) in riferimento agli spazzacamini con il viso sporco di fuliggine.

Il termine discriminatorio ottentotti, ancora negli anni ’60 era utilizzato per indicare la popolazione indigena dell’Africa Australe costretta a migrare dalle perscuzioni degli Europei. Nonostante il contesto storico del film di Mary Poppins, quel termine è stato ritenuto discriminatorio e pertanto, in disaccordo con le linee guida per il linguaggio accettabile.

Mary Poppins – Basta un po’ di zucchero e la pillola va giù

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizioso