Maestra asilo Biassono denunciata per maltrattamenti

I carabinieri hanno posto fine al regno di terrore instaurato da una maestra d’asilo di Biassono, in provincia di Monza. Il nome della maestra non è stato rilevato. La signora è stata denunciata e interdetta per un anno dall’esercizio della professone. La donna, 59 anni, faceva sfoggio di tutta la sua tiranna “governado” i piccoli alunni con il pugno di ferro.

Violenze fisiche e verbali erano all’ordine del giorno come dimostrano le prove video e audio raccolte dai carabinieri che hanno verificato la fondatezza delle tante segnalazioni ricevute. I genitori hanno capito che qualcosa di terribile accadeva tra le mura dell’asilo di Biassono.

Quando tornavano a casa i bambini erano nervosi, spaventati, tutt’altro che sereni come dovrebbe essere per bimbi così piccoli di età compresa tra i 3 e i 5 anni. Nei video girati dalle telecamere nascoste, si vede la maestra dell’asilo di Biassono strattonare i piccoli, in alcuni casi persino prenderli a schiaffi e calci.

Le terribili minacce della maestra di Biassono

Le minacce non mancavano mai, pesanti per un adulto, figurarsi per un bambino che temeva davvero che la maestra gli avrebbe staccato le mani se non avesse manifestato ubbidienza cieca, sottomissione alla tiranna che aveva fatto dell’aula scolastica il suo piccolo regno dove si sentiva onnipotente, invincibile, impunibile.

Evidentemente tutto ciò che quella donna, fuori dalla scuola, non era. Perchè la viltà della maestra rea di tali deprolevoli comportamenti è palese così come l’assurda prepotenza degna del peggiore dei bulli.

Perchè alla fine questi bambini sono stati bullizzati pesantemente da chi, invece, dovrebbe proprio prevenire una cosa del genere. La giustizia farà il suo corso, come si suol dire ma le ripercussioni psicologiche sui piccoli?

Questa è altra faccenda, delicata e che comprensblmente tiene in ansia i genitori che con fiducia cosegnavano nelle grinfie della maestra dell’asiolo di Biassolo, i loro figli.

Fonte Corriere della Sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *