i dicendenti di Leonardo Da Vinci

Sono stati individuati 14 discendenti diretti di Leonardo Da Vinci, un genio assoluto del passato non solo in campo artistico. La scoperta rappresenta un grosso passo in avanti. Fino a questo momento, infatti, erano stati individuati 35 discendenti in vita de l’autore della Gioconda, ma nessuno di questi era diretto. Sono serviti decenni di ricerca per arrivare a questo risultato, ottenuto grazie al lavoro della Leonardo Da Vinci DNA Project, una task force di livello internazionale che coinvolge ricercatori di importanti università quella di New York, , il Craig Venter Institute e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze. L’importante risultato è stato pubblicato sulla rivista Human Evolution.

Chi sono i discendenti diretti di Leonardo Da Vinci

Fino a questo momento, come detto in precedenza, erano stati ideintificati 35 discendenti del Maestro, tuttavia da questi non era possibile ricavare informazioni sul DNA dell’artista poichè non erano in linea diretta.

La situazione è ben diversa adesso poichè grazie ai 16 discendenti diretti e in particolare a quelli maschi, si può risalire al Cromosoma Y di Leonardo Da Vinci. Questo, infatti, resta quasi invariato per 25 generazioni.

Ma chi sono i discendenti diretti di Leonardo Da Vinci? Sono persone che hanno un’età compresa tra 1 e 85 anni. Nessuno di questi vive esattamente a Vinci ma nelle vicinanze. Alcuni sono stati individuati in Versilia.

Pare che nessuno abbia velleità artistiche o ingegneristiche. Svolgono professioni comuni. Il DNA di queste persone sarà analizzato nei prossimi mesi come processo della ricerca che naturalmente non si ferma qui, anzi, ha un nuovo impulso a proseguire.

Tra i discendenti c’è il regista Franco Zeffirelli

In effetti tra i discendenti di Leonardo Da Vinci c’è un peronaggio illustre. Si tratta del regista Franco Zeffirelli, tuttavia in questo caso non c’è una parentela diretta con l’autore de la Monna Lisa. Franco Zeffirelli, infatti, fa parte del primo gruppo di 35 persone individuate dai ricercatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *