Josef Venturini morto in incidente a Torrechiara - Notizioso
Incidente a Torrechiara: morto Josef Venturini

Josef Venturini, 18 anni di Guastalla, è morto ieri sera sabato 15 gennaio in un incidente a Torrechiara, frazione di Langhirano, in provincia di Parma. Altri due giovani che si trovavano in auto con la vittima si trovano ricoverati in gravi condizioni. Si tratta di una ragazza di 17 anni e un ragazzo di 20. L’auto sulla quale viaggiavano i tre amici si è scontrata con un’altra vettura guidata da una donna di 56 anni. La signora ha riportato ferite non gravi. L’incidente si è verificato lungo la Massese, nei pressi dell’incrocio per Badia.

L’urto tra le due automobili è stato violentissimo, ad avere la peggio sono stati i tre giovani che si trovavano a bordo di una Mercedes. Per estrarre i feriti dall’auto distrutta si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco.

Le condizioni dei tre ragazzi sono apparse immediatamente disperate ai soccorritori arrivati sul luogo dell’incidente di Torrechiara. Particolarmente gravi le ferite di Josef Venturini.

Il diciottenne è stato stabilizzato e trasportato all’ospedale Maggiore dove purtroppo è deceduto circa due ore dopo il suo arrivo al pronto soccorso. Preoccupanti le condizioni degli altri due giovani.



La dinamica dell’incidente di Torrechiara costato la vita a Josef Venturini

La dinamica dell’incidente è al vaglio dei carabinieri della locale compagnia. Da una prima ricostruzione pare che l’auto con a bordo Josef Venturini e gli altri due ragazzi si stesse immettendo sulla Massese quando è arrivata l’auto guidata dalla donna, l’impatto è stato inevitabile.

Questa è solo una prima parziale ricostruzione. I militari sono al lavoro per stabilire con precisione i fatti e individuare eventuali responsabilità in questa ennesima tragedia del sabato sera che troppe volte vede come vittime ragazzi.

La notizia del decesso di Josef Venturini si è diffusa velocemente a Guastalla, dove il diciottenne viveva. In tanti lo conoscevano.



Fonte Gazzetta di Parma

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.