servizio Iene Orsato

Juventus – Inter (3-2), la partita infinita del 28 aprile del 2018, un match parallelo, in un cento senso a quello Iene – Orsato. Quella partita è rimasta impressa nelle menti di almeno tre tifoserie, ma anche di quanti amano il calcio. Le tifoserie in questione sono quelle, appunto, della Juventus, che quel giorno, di fatto, mise le mani sullo scudetto, quella dell’Inter che con la Juve non vorrebbe perdere neanche a briscola e poi c’è quella del Napoli che si ritiene parte lesa. Ricordiamo quei concitati momenti, anche se ormai li conoscono tutti a memoria.

Juventus – Inter: Orsato espelle Vecino

Siamo al minuto 18. Vecino entra duramente su Mandzukic. L’attaccante rotola a terra rotolante. Orsato vede tutto e non perde un istante a tirare fuori il cartellino giallo per l’interista. Al VAR c’è Valeri che richiama l’arbitro. Gli fa presente che Vecino prende Mandzukic sulla tibia. Orsato ricontrolla le immagini: è rosso.

È importante sottolineare come l’audio del dialogo intercorso tra Orsato, Valeri (VAR) e Alessandro Giallatini (AVAR) è presente, udibile. In altre parole non c’è spazio per le interpretazioni.

Iene – Orsato: il fallo di Pjianic su Rafinha

Due pesi e due misure? Pare proprio di sì nel caso del fallo commesso da Pjanic, già ammonito, nei confronti di Rafinha. Il bosniaco entra duramente sul brasiliano. Evidentemente la precedente ammonizione non gli pesa sulle spalle. Orsato dialoga con il VAR. Pjanic non è sanzionato con la seconda ammonizione, sacrosanta secondo molti. Seguono le polemiche.

Qui entra in scena un altro personaggio: Giuseppe Pecoraro, all’epoca numero uno della Procura Federale. Pecoraro, come lui stesso ha raccontato in seguito, è sollecitato da più parti a vederci chiaro in questa faccenda. Chiede i file, vuole sapere cosa si sono detti Orsato e Valeri.

Il procuratore riceve le immagini, non l’audio. Sparito! Immagini che, oltretutto, arrivano quando il campionato successivo è già in corso. Qui ci sono altri due aspetti interessati. Quando Pecoraro fece richiesta dei file all’Aia, si sentì dire che questi non esistevano.

Pecoraro non demorde. Interpella la Lega Calcio. Si sente dire che i video sono in mano a un’azienda privata. Alla fine, come detto, il procuratore riesce ad entrare in possesso dei video. Manca l’audio, o meglio, manca solo ed esclusivamente per l’episodio incriminato. Ad oggi Pecoraro non si spiega il perché. Qui arriviamo al servizio delle Iene.

Il servizio delle Iene su Juventus – Inter diretta da Orsato

Non è la prima volta che le Iene conducono una inchiesta sulla partita Juventus – Inter del 2018, tanto è vero che Daniele Orsato, Paolo Valeri e Nicola Rizzoli hanno presentato una querela. Dalle indagini condotte dalla squadra mobile di Bologna, sono emersi nuovi particolari.

Se ne parlerà in modo approfondito durante il servizio delle Iene (realizzato da Filippo Roma e Marco Occhipinti) che andrà in onda questa sera, lunedì 1 giugno. Le Iene hanno chiesto la consulenza di due ragazzi sordomuti abilissimi nel leggere il labiale.

Secondo la ricostruzione dell’audio sparito per magia, Valeri chiede di rivedere le immagini, poi richiama Daniele Orsato in campo. Valeri avrebbe detto al fischietto di Schio:

Il contrasto c’è, ho controllato adesso

L’assistente VAR Giallatini ripete per ben due volte:

Il giallo c’è!

Valeri conferma:

Sì, c’è!

L’ammissione di Orsato

Orsato è irremovibile, Pjanic resta in campo. Tre anni dopo, quando agli arbitri è concesso di rilasciare interviste, l’arbitro protagonista in negativo della partita Juventus – Inter ha ammesso il suo errore ai microfoni di 90° Minuto:

Non serve andare a rivederlo dopo tre anni, sicuramente è un errore. La vicinanza dell’azione non mi ha fatto vedere quanto mostrato dalla tv: per me è stato un contrasto fisico al volo, il VAR non poteva intervenire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *