come scegliere le lenti a contatto

Chi utilizza protesi visive mobili è spesso indeciso tra indossare lenti giornaliere o lenti mensili, in quanto ogni tipologia ha caratteristiche diverse, più o meno adatte all’utente a seconda dei casi. In linea generale quindi non vi è una risposta netta alla domanda “Quali sono le lenti a contatto migliori?”, poiché le persone in base alle proprie esigenze devono stabilire quale modello è più adatto alla loro persona.

Lenti a contatto mensili e giornaliere a confronto 

Dal punto di vista del comfort le lenti a contatto appaiono tutte comode da indossare e impercettibili durante l’utilizzo. La maggior parte di esse sono fatte di idrogel o silicone idrogel, un materiale di ultima generazione che consente all’ossigeno di raggiungere la cornea 5 volte di più rispetto ad una lente realizzata con un altro materiale. Questa caratteristica rende il silicone Idrogel perfetto per lenti a contatto mensili.

D’altro canto però le lenti giornaliere appaiono più pratiche rispetto a quelle mensili, in quanto a fine giornata possono essere gettate via senza necessitare di particolari lavaggi. Esse infatti sono indicate per chi ha uno stile di vita frenetico, come ad esempio gli sportivi. Ovviamente la scelta tra lente mensile e lente giornaliere deve essere ponderata anche in base alla frequenza con la quale verranno usate.

Chi indossa le protesi ogni giorno, dovrebbe prediligere infatti (in termini economici) quelle mensili, seppur necessitano di maggiore acquisto di soluzione liquida per la pulizia. Anche dal punto di vista dell’igiene le due tipologie di lenti si differenziano, quelle giornaliere infatti risultano più salutari, in quanto i nostri occhi producono lipidi e proteine che depositandosi sulla lente possono creare dei disagi.

Utilizzando le lenti giornaliere ritenute “usa e getta”, tale problematica non si pone. Questo non vuol dire che le lenti mensili non siano igieniche, ma per esserlo necessitano sicuramente di una maggiore manutenzione. 

C’è da aggiungere però che entrambe le lenti sono morbidissime e gas permeabili, capaci cioè di consentire lo scambio di ossigeno tra l’occhio e l’esterno. La scelta di una tipologia piuttosto che un’altra quindi è piuttosto libera, tanto che possono essere alternate senza particolari problemi.

Lenti a contatto mensili per le persone eco-friendly

C’è da dire che le lenti mensili sono considerate le più ecologiche in quanto vengono sostituite una volta ogni 30 giorni. Cambiarle significa non solo gettare le vecchie lenti ma anche aprire un nuovo blister, un nuovo imballaggio di cartone ed un nuovo portalenti (solitamente incluso nella confezione della soluzione per lenti). Nel rispetto dell’ambiente è bene sapere che le lenti non devono mai essere gettate nel water, perché contribuirebbero all’inquinamento degli ambienti marini.

Ecco quindi che le lenti a contatto presentano aspetti molto diversi tra di loro, che non riguardano la performance visiva, ma prendono in considerazione vari aspetti che vanno dal lato ecologico a quello igienico. In fase di acquisto il consiglio è sempre quello di rivolgersi a rivenditori professionali, capaci di indirizzare il cliente verso il prodotto più in linea con le proprie esigenze. 

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.