separati gemelli siamesi uniti per la testa

Una coppia di gemelli siamesi unita per la testa è stata separata grazie all’aiuto della realtà virtuale. Bernardo e Arthur Lima, 3 anni, sono sono stati operati a Rio de Janeiro sotto la direzione dell’ospedale Great Ormond Street di Londra. L’equipe medica per mesi ha lavorato con la realtà virtuale, basata su risonanze e tomografie, provando diversi tipi di tecnica per separare i gemelli siamesi. L’itervento è stato possibile grazie all’aiuto della fondazione Gemini Untwined.

Gemelli siamesi separati dopo sette interventi

Superfluo sottolineare la complessità dell’operazione di separazione dei gemelli siamesi. Sono serviti sette interventi chirurgici, l’ultimo è durato 27 ore. L’quipe medica era composta di un centinaio di persone.

Tra queste c’è il chirurgo Noor ul Owase Jeelani che ha descritto il processo di separazione di Bernardo e Arthur Lima come qualcosa che appartiene all’era spaziale. Questa, tuttavia, non è fantascienza ma realtà. Il chirurgo, parlando all’agenzia di stampa PA dell’utilizzo della realtà virtuale, ha detto:

È meraviglioso. È stato eccezionale vedere l’anatomia umana e fare chirurgia prima di metter a rischio la vita di qusti due bambini. Una possibilità del genere tranquillizza il chirurgo stesso.

Quese operazioni sono considerate tra le più difficili, averlo fatto con la realtà virtuale è come vivere su Marte. L’antomia dei bambini si era complizata a xusa della crescita di tessuto cicatrizzante, conseguenza dei precedenti tentativi di separazione che non avevano avuto buon esito. Ero molto preoccupato per la difficoltà dell’intervento.

I due gemelli stanno bene ma dovranno affrontare una riabilitazione lung sei mesi.

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.