Funghi su marte

I funghi crescono su Marte. Ne sono certi tre scienziati: Xinli Wei, microbiologo cinese, Rudolph Schild dello Smithsonian e il dottor Rhawn Gabriel Joseph. I tre studiosi, dopo aver analizzato le immagin scattate dal Curiosity si dicono certi della presenza di funghi su Marte. Le nuove dichiarazioni fanno seguito a un loro studio pubblicato nel 2020 su Research Gate. In quell’occasione, sostengono gli studiosi, nel corso della missione al cratere Eagle che si trova nella cosiddetta Mardiani Planum, il rover Opportunity ha scattato foto a delle formazioni che secondo gli scienziati erano funghi. A supporto della loro teoria, hanno portato 40 immagini le quali dimostrerebbero che quei canali scuri immortalati da Curiosity sono la prova che su Marte ci siano funghi, muffe e alghe.

Forse può interessarti l’articolo USA in contatto con gli extraterrestri: lo dice un ex funzionario del governo israeliano

Per la NASA non ci sono i funghi su Marte

La teoria dei tre studiosi non è supportata dalla NASA. In merito a quanto evidenziato dalle immagini, l’agenzia afferma: i canali che si notano, altro non sono che la conseguenza dello scongelamentodel ghiaccio di anidride carbonica.

La risposta di Xinli Wei, Rudolph Schild e Rhawn Gabriel Joseph è che proprio sotto quel ghiaccio che le colonie di funghi prosperano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *