Francesco Pantaleo morto carbonizzato

Francesco Pantaleo, 23 anni, studente d’ingegneria informatica a Pisa, è stato trovato cadavere in un appezzamento di terra a San Giugliano Terme. Il corpo del ragazzo originario di Marsala (Trapani) è stato scoperto domenica scorsa, adesso si ha avuto la conferma dall’esame del DNA che era proprio Francesco Pantaleo il cadavere rinvenuto nelle campagne di San Giuliano Terme.

Ieri la famiglia del ragazzo aveva lanciato l’ultimo disperato appello affinchè facesse ritorno a casa. Forse i cuor loro sapevano che qualcosa d’irreparabile era accaduta. Una sensazione accresciuta dopo che era stato chiesto loro di fornire campioni di DNA.

Francesco Pantaleo era sparito da una settimana

Francesco Panatelo ra stato visto l’ultima volta sabato scorso. Da quel momento risultava irreperibile. Nella casa che condivideva con altri due studenti, Francesco Pantaleo aveva lasciato i suoi effetti personali. Sulle cause della morte bisognerà attendere l’esito dell’autopsia.

Per adesso la morte di Francesco Panatleo è avvolto dal mistero. È andato da solo nel luogo dove è stato ritrovato, oppure è stato accompagnato da qualcuno? Chi può aver avuto motivo di fargli del male, ammesso che si tratit di omicidio.

Al momento, infatti, non ci sono elementi per affermare una cosa del genere. Gli inquirenti manengono il più stretto riserbo sulla vicenda. Dopo la scomparsa, i genitori non hanno trovato alcuna ragione valida per un allontanamento volontario. Ancor meno spiegazioni ci sono adesso che il ragazzo è stato ritrovato morto. Come detto, molti dei dubbi verranno sciolti dopo l’autopsia.

Fonte La Repubblica

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.