farmaco contro alopecia Baricitinib

Un farmaco contro l’alopecia è sognata da quanti vivono il disagio provocato dalla calvizie. Questo sogno oggi potrebbe essere realtà con il Baricitinib, un farmaco realizzato dalla Eli Lilly e approvato dalla Food and Drug Administration. La fase sperimentale ha ottenuto risultati strabilianti con una differenza notevole tra il prima e il dopo trattamento. Pazienti calvi si sono ritrovati con una bella e fluente chioma. Una cosa del genere sembrava impossibile.

Va tuttavia detto che non si sà se l’effetto del Baricitinib sia duraturo. In altre parole, dopo la fine del trattamento i capelli potrebbero tornare a cadere.

È successo in passato con altri farmaci, anche se nessuno aveva manifestato una simile efficacia contro l’alopecia. La cautela è d’obbligo, insomma.

Baricitinib: gli effetti del farmaco contro l’alopecia

Il farmaco contro la calvizie, Baricitinib appartiene alla classe di inibitori delle Janus chinasi (JAK). Ma come agisce il farmaco contro l’alopecia? Lo spiega la dottoressa Marcella Ribuffo, presidente della LILT Roma. Come riporta La Repubblica:

Già utilizzato contro altre patologie immunitarie – come l’artrite reumatoide, alcune forme di psoriasi, il lupus, ecc. – e usato anche in alcune forme molto gravi di Covid, agiscono interferendo con la via di segnalazione cellulare che porta all’infiammazione. In pratica – prosegue – agiscono interferendo con gli enzimi responsabili dell’infiammazione, che è uno degli effetti che portano alla perdita dei capelli in alcuni casi di alopecia areata.

Gli inibitori JAK non agiscono sulle cause scatenanti l’alopecia bensì interferiscono con gli enzimi responsabili dell’infiammazione alla base della caduta dei capelli. Tutto ciò rende complicato accertare se gli effetti del farmaco contro la caduta dei capelli siano duraturi.

La dermatologa ricorda come in passato già altri farmaci basati sugli inibitori di JAK abbiano dato grandi risultati all’inizio del trattamento che tuttavia, una volta interrotto, ha comportato nuovamente la perdita dei capelli. La speranza è che questa volta le cose possano andare diversamente.

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.