Donnarumma fischiato: lacrime asciugate con banconote da 100 € - Notizioso
Gigi Donnarumma fischiato durante Italia Spagna

Italia – Spagna: è accaduto ciò che tutti temevano. Gigi Donnarumma è stato fischiato. Un trattamento ingenerosa da parte dei tifosi del Milan presenti allo stadio per assistere alla semifinale di Nations League. Al fenomenale portiere di Castellammare di Stabia non è stato perdonato il passaggio al PSG. Ciò che i tifosi del Milan non sanno è che anche Gianluigi Donnarumma ha un cuore. Quei fischi gli hanno fatto male, lo hanno ferito terribilmente.

Non è riuscito a trattenere e lacrime. Ha pianto Gigi durate tutti i 90 minuti di Italia – Spagna. Non faceva altro che sfilare dal portafogli banconote da 100 euro per asciugare le copiose goccioline salate che inesorbilmente sgorgavano dai suoi occhioni di cerbiatto.

Roberto Mancini ha provato a consolarlo, lo stesso hanno tentato Bonucci e Insigne. Tutto è stato vano.

Pare che qualcuno a un certo punto gli abbia sentito urlare una frase: ” È tutta colpa di Raiola… Mino, che tu sia maledetto!“.

Italia – Spagna e i tifosi del Milan traditi da Donnarumma

I tifosi del Milan si sentono traditi dal portiere che giustamente pretendevano vestisse i colori rossoneri fino all’ultimo giorno della sua carriera. Ma traditi si sentono anche i tifosi della Juve Stabia.

Le Vespe avevano accarezzato il sogno che il portiere, dopo essersi svincolato, avrebbe firmato con la squadra della sua città e che magari avrebbe anche finanziato la campagna acquisti del club.

Oltretutto i segnali c’erano tutti. Dopo la vittoria dell’Europeo, infatti, Donnarumma aveva fatto ritorno nella sua Castellammare. I suoi concittadini lo avevano accolto con festeggiamenti degni di un re. Come ha potuto Donnarumma manifestare tanta insensibilità?

Dopotutto cos’ha Parigi che non ha Castellammare di Stabia? Ma ha ragione Gigi, non prendetevela con lui. Il colpevole è uno solo: Mino Raiola, il signore del calcio. Un uomo così potente che i presidenti dei club temono persino pronunciare il suo nome, anche perchè potrebbe materializzarsi in quel preciso istante con una richiesta di rinnovo per qualche calciatore.

Del resto cosa aspettarsi da un individuo che ha avuto il coraggio di strappare all’affetto dei tifosi del Red Bull Salisburgo un ragazzino come Haaland? Se solo volesse, Raiola potrebbe scegliere a caso un tifoso del Milan e promettergli di ricoprirlo d’oro facendolo giocare per l’Inter, ma sa che nessuno accetterebbe. Si può tradire la moglie, la fidanzata, persino la mamma ma non la squadra del cuore.

Articolo di Satira

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *