Cane annegato a Policoro, è stato incaprettato: trovate il bastardo! - Notizioso
Annegato un cane a Policoro, l'animale è stato incaprettato

C’è sconcerto a Policoro e non solo, per il cane annegato: l’animala è stato incaprettato e assicurto ad una boa, con un corda che gli stringeva il collo. La sua carcassa è stata trovata così, in mezzo al mare. Probabilmente erano due gli animali anegati in questo modo orribile. C’era una seconda corda e poco dopo è stato rinvenuto anche il corpo di un vitellino di pochi giorni. A denunciare l’episodio è stata la LNDC – Animal Protection che in una nota ha scritto:

Per impedire al cane di muoversi, chi ha architettato il terribile gesto gli ha immobilizzato anche le zampe legandole tra loro. Il cane, sprovvisto di microchip, era probabilmente di razza setter, una tipologia di cane storicamente da sempre al fianco dei cacciatori.

Cane incaprettato e annegato a Policoro: è stato un sadico

L’autore del terribile crimine non può che essere un sadico. Chi ha annegato il cane a Policoro voleva essere certo che non morisse subito e che non avesse possibilità di salvezza.

Forse il bastardo è rimasto lì a gurdare mentre il cane moriva, non ci sarebbe da meravigliarsi. Sul caso indagano le forze dell’ordine: il responsable ha commesso un reato penale punibile con il carcere.

La LNDC chiede a chiunque sappia, di parlare e non lasciare che questo terribile crimine resti impunto. Una persona del genere potrebbe essere percolosa anche per l’essere umano.

Chi è capace di tanta crudeltà contro gli animali potrebbe commettere qualsiasi atrocità. Parliamo di un sadico, una persona disturbata che di umano ha poco o nulla.

L’augurio è che presto possa pagare e sconare la pena che un simile verme merita, con tutto il rispetto per i vermi, s’intende.

Fonte Rai News

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizioso