Gianluigi Buffon

Gianlugi Buffon dice basta! Basta con la Juventus ma non il calcio giocato o almeno non vorrebbe lascarlo. Il suo futuro è ancora poco chiaro. L’unica certezza è che la prossima stagione non vestirà la maglia bianconera. Classe 78, 43 anni suonati, il portierone di Carrara che proprio con la Juve ha vinto di tutto e di più, senza dimenticare la soddisfazione del mondiale in Germania, vorrebbe continuare a giocare, a patto che arrivi una proposta stimolante. La situaione non è diversa da quanto accaduto nel 2018, quando firmò per il PSG. Restò in Francia un solo anno, poi, clamorosamente fece ritorno a Torino.

Buffon si è sentito un peso per la Juventus

C’è una frase che fa riflettere. Parole pronunciate nel corso di una intervista a beIN Sports:

Penso di aver dato tutto per la Juve. Ho ricevuto tutto e più di così non possiamo fare. È la fine di un ciclo ed è giusto che tolga il disturbo.

Ecco, quel “tolgo il disturbo” fa pensare a una separazione forzata. Insomma, pare che il portiere sia statao definitivamente scaricato da Agnelli, per la seconda volta. Non che la decisione della società non sia comprensibile, anche alla luce dei problemi finanziari accentuati da una stagione sicuramente fallimentare che senza la qualificazione alla Champions League, potrebbe tranquillamente essere descritta come disastrosa.

Gli effetti della mancanta qualificazione alla Champions sui bilanci, sono facilmente mmaginabili da tutti. L’ordine, dunque, è abbassare il monte ingaggi ed è naturale che il primo ad essere tagliato è Buffon.

Dal canto suo, il portiere non ci sta a fare la parte del ramo secco e ha gettato l’amo in cerca di una squadra con la quale possa dimostrare di non essere ancora finito. In Italia? Poco probabile. Forse il portiere pensa a una esperienza all’estero, magari in Cina o perché no, in MLS. Se poi dovesse arrivare una chiamata dagli Emirati Arabi, siamo certi che Buffon ascolterebbe la proposta.

In bilico anche Cristiano Ronaldo

C’è anche un altro calciatore il cui futuro è incerto e che l’anno prossimo potrebbe giocare lontanto da Torino: Cristiano Ronaldo. Fino ad esso l’investimento non ha portato i risultati sperati. L’arrivo di Cristiano Ronaldo alla corte d Andrea Agnelli doveva essere non soltanto un’operazione di marketing, tra l’altro ben riuscita, ma doveva anche essere la pedina mancante per vincere finalmente la Champions League.

La coppa non è arrivata e se la Juve l’anno prossimo non dovesse disputare la massima competizione europea, diverrebbe un peso difficile da sostenere per il bilancio del club. Ad ogni modo della posizione del portoghese se ne riparlerà a fine campionato. Molto dipenderà anche dai suoi gol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *