Ecicottero fa strage di bambini in una scuola della Birmania

Fonti dell’Unicef hanno fatto sapere che lo scorso 16 settembre in Birmania (Myanmar) almeno due elicotteri militari hanno apperto il fuoco contro una scuola provocando la morte di almeno 11 bambini. L’attacco militare ha interessaro una zona residenziale del villaggio di Tabayin Township, nella regione di Sagaing.

È stato un attacco deliberato, anzi, mirato, volto a uccidere quanti più bambini possibili. L’attacco è durato circa un’ora prima che una ventina di militari facessero irruzione nella scuola per portare via i superstiti alla pioggia di fuoco scateneta dall’alto con gli elicotteri.

Elicottero attacca scuola in Birmania: ll racconto dei testimoni

Tra i testimoni dell’attacco militare alla scuola ci sono la dirigente scolastica ed un opratore umanitario. La dirigente ha riferito che insieme agli insegnanti stavano portando i bambini al riparo quando, gli elicotteri hanno cominciato a sparare contro la scuola.

L’istituto ospita 240 aluni tra asilo e scuola elementare. La testimone ha raccontato che l’attacco è durato almeno un’ora senza interruzoni. È stato un fuoco continuo.

Subito dopo un’ottantina di militari sono entrati nella scuola ospitata all’interno di un monastero buddista portando via una ventina di persone, tra queste anche 9 bambini feriti. I particolare due degli individui portati via sono stati accusati di essere appartenenti alla Forza di Difesa Popolare Antigovernativa.

Fonte Rai News

Di Vincenzo Borriello

Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.